Yahoo: creare email temporanea


Yahoo! offre un avanzato servizio di email temporanea. Si chiama AddressGuard e consente di creare innumerevoli indirizzi fantasma e di utilizzarli per inviare e ricevere messaggi. Impostazioni Yahoo crea email temporaneaPer abilitare questa funzione accedete al vostro account scrivendo nome utente e password.

Fate poi clic sul link “Impostazioni” nell’homepage della Yahoo!Mail, in alto sulla destra.

Fate di nuovo clic sulla voce “Sicurezza”.



Sicurezza - Indirizzi temporanei

Scorrete la nuova pagina fino ad individuare il riquadro chiamato “Indirizzi temporanei” e selezionate il link “Imposta un indirizzo temporaneo”. Fate clic sul pulsante “Inizia ad usare AddressGuard” visualizzato in basso. Nella nuova videata sarete chiamati a dare un nome al servizio. Scrivete allora nello spazio indicato l’identificativo che desiderate, per esempio “wehy24”, che vi consentirà di accedere a tutti gli indirizzi fantasma che vi apprestate ad attivare.

Quindi selezionate “Continua”.
 
Yahoo! vi confermerà se il nome che avete digitato è disponibile o meno. Nel caso lo sia, mettete il segno di spunta alla casella in modo da confermare che il termine scelto dovrà essere utilizzato come “nome base” per i vostri indirizzi temporanei, poi fate clic su “Continua”.

Dopo aver attivato AddressGuard battezzate il nome del primo indirizzo fantasma che intendete attivare.

È buona regola scegliere un termine che sia facile da ricordare e che permetta, allo stesso tempo, di identificare i siti e i servizi online per i quali intendete utilizzarlo.

Per esempio se avete intenzione di digitare l’email temporanea che state per attivare nei form di iscrizione a blog o chat, scrivete “post” e fate clic sul pulsante “Continua”.

Avete attivato l’email “wehy24@yahoo.it”.

Configurate AddressGuard scegliendo dal menu a scomparsa (posto accanto alla voce “Ricevi su”) la directory nella quale volete ricevere i messaggi inviati all’indirizzo fantasma che avete creato. Può essere la consueta cartella “In arrivo” o qualsiasi altra.



Potete anche decidere di contrassegnare con un particolare colore i messaggi spediti a wehy24@yahoo.it in modo da riconoscerli con più facilità. Mettete poi il segno di spunta a tutte le caselle visualizzate in basso così da poter spedire messaggi anche tramite l’indirizzo fantasma, attivare i filtri che avete predisposto e abilitare SpamGuard (il servizio antispam di Yahoo!). Infine fate clic su “Imposta”.

Una schermata riepilogativa vi comunica che avete completato l’attivazione del servizio. Selezionando il pulsante “Gestisci indirizzi temporanei”, accedete alle opzioni che consentono di creare altre email fantasma, di cancellarle oppure di modificarne le impostazioni.

Caselle fantasma… ma avanzate

Alcuni servizi di email temporanea non permettono di consultare direttamente i messaggi spediti all’indirizzo fantasma, perché li inoltrano automaticamente ad una specifica casella di posta comunicata dall’utente durante la sottoscrizione del servizio.

Per controllare i messaggi inviati all’indirizzo temporaneo, basta allora semplicemente accedere (via Web mail o tramite client) alla casella di posta di inoltro.
 
Jetable, Mailinator o Mailexpire sono alcune delle piattaforme che adottano questo meccanismo.

La procedura di creazione di un indirizzo temporaneo è anche in questo caso rapidissima, perché in più richiede solo l’inserimento dell’email al quale il servizio sottoscritto deve inoltrare tutti i messaggi inviati all’indirizzo “usa e getta” attivato. Qui potete trovare i servizi per inviare email usa e getta.

Limitazioni esterne

Data la loro natura, le caselle di email temporanea possono essere evidentemente utilizzate per pratiche e scopi poco leciti o, comunque, contrari alla netiquette. Chi ha per esempio il brutto vizio di commentare i post sui blog con un linguaggio offensivo, con prese di posizione integraliste o con il solo obiettivo di fare polemica, potrebbe utilizzare un indirizzo fantasma per crearsi un nuovo account presso un servizio di blogging dal quale in precedenza è stato bandito in modo da continuare imperterrito nella sua attività di disturbo.




Per evitare che le email temporanee siano utilizzate dai troll, le piattaforme di blogging, i forum, i newsgroup e alcune community on-line possono adottare delle politiche di accesso al servizio che impediscono la registrazione agli utenti che forniscono durante l’iscrizione indirizzi fantasma. Se volete utilizzare un’email “usa e getta” per iscrivervi a un forum, potreste dunque essere costretti ad attivarne un bel po’ fino a trovare quella giusta che sia accettata dalla piattaforma da sottoscrivere.

Altre limitazioni sono quelle che possono essere imposte dal provider della casella di posta verso cui il servizio di disponsable email effettua il “forward” dei messaggi inviati ad un indirizzo fantasma.

Per esempio, se attivate un’email temporanea su MailExpire e fornite per l’inoltro una casella di posta creata tramite Gmail, vi accorgerete che MailExpire non può inoltrare a questa casella i messaggi spediti all’indirizzo fantasma dai mittenti che hanno proprio Google come provider di posta elettronica.

In molti casi può anche capitare che i messaggi inviati dal fornitore del servizio di email temporanea siano addirittura considerati come “spazzatura elettronica” dal programma antispam della piattaforma di Web mail utilizzata e, pertanto, depositati direttamente nella cartella della posta indesiderata…