Windows Xp Cerca file nascosti


Quando si clicca su START/CERCA e viene immessa come stringa di ricerca una parola o una frase, potrebbe succedere che l’elenco dei risultati non comprenda dei file che invece contengono il testo che si vuole cercare, anche se la ricerca viene eseguita specificando il nome del file da analizzare. Microsoft elenca alcuni di questi file che risultano “trasparenti” al meccanismo di ricerca: .LOG, .DLL, .JS, .XML, .XLS, per citarne solo alcuni.

Chi si diletta di programmazione web avrà notato che alcune di queste estensioni sono relative proprio a file che vengono normalmente impegnati nello sviluppo di siti Internet, e che quindi potrebbero contenere al proprio interno i riferimenti testuali che si intende cercare.



Da tenere presente che anche i file con estensione HTML o HTM sono esclusi dalla ricerca testuale. Per risolvere questo problema esistono due diverse strade: modificare il REGISTRO DI SISTEMA manualmente, oppure configurare in maniera opportuna la funzionalità di ricerca stessa. Con il primo metodo si tratta di aggiungere quello che viene definito “Persistent Handler” a una chiave del Registro di Configurazione. Fate clic su START/ESEGUI e digitate REGEDIT.

Cercate poi la chiave KEY_CLASSES-_ROOT e selezionatela. A questo punto premete il tasto destro del mouse, e dal menu contestuale scegliete l’opzione NUOVO/CHIAVE e chiamatela con il nome dell’estensione del file che volete che venga coinvolto nella ricerca preceduto dal punto.

Proseguite con un doppio clic su questa chiave, quindi premete il tasto destro del mouse e scegliete NUOVO/CHIAVE.

Questa dovrà essere chiamata PERSISTENT HANDLER. Fate ora un doppio clic sulla chiave appena creata, poi spostatevi sulla finestra di destra, selezionate il valore STRINGA predefinito e infine impostate questo valore: {5E941D80-BF96-11CDB579-08002B30BFEB}. Riepilogando, se desiderate che la ricerca del testo funzioni, per esempio, anche nei file con estensione INC, dovete creare una chiave che ha queste caratteristiche:

 HKEY_CLASSES_ROOT\.INC\ PERSISTENTHANDLER\(PREDEFINITO) = {5E941D80-BF96-11CDB579- 08002B30BFEB}.

È  indispensabile riavviare il pc perché le modifiche abbiano effetto.

RICERCA MULTIPLA

 Il sistema sopra descritto, si capisce, ha uno vantaggio: costringe l’utente a inserire molte nuove chiavi (tante quante sono le estensioni dei file da sottoporre a ricerca) nel Registro di Configurazione, con il rischio di commettere qualche errore.



 Esiste un metodo per consentire le ricerche nei file con estensione particolare, invece, che si appoggia alle funzionalità avanzate della ricerca stessa, e che permette all’utente di evitare manovre pericolose a livello di Registro di Configurazione. Fate clic su START/CERCA e, sulla finestra di sinistra, selezionate CAMBIA PREFERENZE scegliendo l’opzione CON SERVIZIO D’INDICIZZAZIONE (per ricerche locali più rapide).
Selezionate poi CAMBIA IMPOSTAZIONI DI SERVIZIO D’INDICIZZAZIONE (avanzate).

A questo punto è necessario controllare che SERVIZIO D’INDICIZZAZIONE non sia selezionato, in caso contrario deselezionatelo e fate clic sulla barra del menu alla voce VISUALIZZA/PERSONALIZZA.

Spuntate la casella STRUTTURA CONSOLE nella sezione MMC della finestra di dialogo che appare, poi spostatevi sulla finestra di sinistra, selezionate la voce SERVIZIO D’INDICIZZAZIONE e fate clic sul tasto destro del mouse. Proseguite scegliendo PROPRIETÀ, mentre nella scheda GENERAZIONE mettete il segno di spunta sull’opzione INDICIZZAZIONE FILE CON ESTENSIONE SCONOSCIUTA.


Infine, fate clic su OK e uscite dalla console. A questo punto, la funzionalità di indicizzazione (e quindi di ricerca) è stata attivata per tutti i file con estensione sconosciuta. Questo comporterà un decremento delle prestazioni del sistema in fase di ricerca.