Che cos’è il Rumore Fotografico ?


applicazione e di riduzione del rumore plug-in per Photoshop

Rumore Fotografico

Viene definito “rumore” quel disturbo che appare nelle fotografie digitali degradando la qualità del colore, particolarmente nelle tonalità più scure. Il rumore aumenta insieme alla sensibilità del sensore e alla temperatura esterna. Col passare del tempo le fotocamere sono diventate meno sensibili a questo tipo di disturbo ed oggi è possibile usare settaggi ISO piuttosto elevati senza perdere in qualità. Un altro tipo di disturbo deriva dalla lunghezza dei tempi di esposizione. Negli scatti più lunghi alcuni pixel tendono ad apparire molto più chiari dei circostanti, e vengono chiamati “hot pixel”. È possibile ridurre questo effetto scattando una seconda immagine con il copri obiettivo e sottrarla alla precedente tramite un programma di video editing come Photoshop. Le fotocamere più recenti spesso incorporano un sistema di riduzione del rumore, automatico o attivabile tramite il menu.



Il rumore nelle immagini digitali si evidenzia in prevalenza come una certa granulosità o puntinatura monocromatica (luminance noise) e/o come puntini o macchioline colorate (chroma noise) evidenti soprattutto nelle aree uniformi come il cielo, o in ee scure con poco dettaglio. L’effetto è molto simile a quello delle immagini da pellicola ad alta sensibilità.

Il rumore di un sensore aumenta in funzione della temperatura del sensore stesso, e della sensibilità ISO impiegata per la ripresa. Con riferimento alle fotocamere compatte, con valori ISO fino a 100 il rumore rimane appena visibile, fino a 200 accettabile, da 400 e oltre diventa un problema serio.

il livello di rumore è influenzato dai seguenti fattori:
  • Dimensioni del sensore. Un sensore grande è generalmente meno rumoroso di uno piccolo
  • Dimensioni dei singoli pixel. A parità di dimensioni del sensore, più megapixel significa più dettaglio ma anche più rumore
  • Sensibilità ISO impiegata. Poca luce = alto valore ISO = maggiore amplificazione del segnale = più rumore
  • Forte compressione jpeg
  • Tempi di posa. Tempi lunghi (1-2 sec.) producono rumore cromatico
  • Temperatura del sensore
  • Processi produttivi e materiali impiegati

Le cause del rumore  non è altro che un errore variabile nel tempo ed è presente in qualsiasi fenomeno fisico.  Il rumore da  la sua visibilità nelle zone scure che aumenta incredibilmente se si tenta di aumentare la luminosità dell’immagine.  Il problema aumenta ulteriormente se si scatta a sensibilità elevate (ISO 400 o superiore), in questi casi infatti il segnale “pulito” è di intensità minima e il rumore. Nelle compatte il rumore a ISO elevati, in una foto notturna, è qualcosa di intollerabile che può arrivare a rendere la foto inutilizzabile. Il rumore infatti diminuisce al crescere delle dimensioni del sensore, mentre aumenta (anche se di poco) all’aumentare del numero di megapixel, di fatti proprio per questo motivo si sconsigliano macchine con sensori minuscoli e molti megapixel.
Esempio di foto

immagine originale senza filtro rumore

immagine con filtraggio

[box]Da ricordare che esistono alcuni plugin per photoshop, così come per tanti altri programmi di ritocco, in grado di ridurre il rumore delle vostre immagini. Uno tra i più conosciuti è Neat Image, in grado di offrire risultati davvero sorprendenti. [/box]

Neat Image è uno di questi, progettato per ridurre il rumore per  immagini fotografiche prodotte da macchine fotografiche digitali e scanner. Neat Image è indispensabile in condizioni di scarsa luce (al chiuso, di notte, no-flash, astro) e ad alta velocità (sport, azione, bambini), la fotografia. Si tratta di un must-have strumento sia per i fotografi professionisti e gli appassionati di elaborazione di immagini digitali.

# Neat Image è una riduzione del rumore del plug-in per Photoshop (e più) e applicazione stand-alone

Dimensione del download: 2.1 MB

Download: Download in ZIP



Requisiti Sistema:

· Windows 7, Vista, XP
· 128 MB di RAM o più
· Display a colori standart