Recuperare la password smarrite


 Avete dimenticato una password particolarmente importante !

recuperare password smarriteNessun problema! Ecco una serie di utility e pratici trucchi con cui riuscirete a riconquistare l’accesso ai vostri dati.
Uno dei metodi adottati dagli strumenti di decodifica delle password si chiama in gergo “forza bruta”.

Il suo funzionamento è semplice: si tratta di provare, una dopo l’altra, tutte le possibili combinazioni di caratteri e numeri. In definitiva, arrivare alla soluzione è solo questione di tempo e di potenza di calcolo.
Quanta, dipende dalla lunghezza della password e dai caratteri utilizzati. In linea di massima, però, è consigliabile usare questo sistema solo quando tutti gli altri metodi hanno fallito, in quanto il tempo necessario per ritrovare una parola segreta può essere davvero parecchio.
Un esempio?
Contando lettere maiuscole e minuscole, numeri e caratteri speciali, una password può essere composta con ben 92 caratteri diversi.

Per una parola di quattro caratteri, quindi, esistono 71,6 milioni di possibili combinazioni (92 elevato alla quarta potenza).



Con una password di otto caratteri ci sono ben 5,1 milioni di miliardi di possibilità. In teoria, potrebbero essere necessari anni prima che uno strumento di decodifica individui tale password.

Ma non è sempre necessario ricorrere alla forza bruta.

Un altro metodo di decodifica parte dal presupposto che la maggior parte delle persone seleziona solamente parole o frammenti di parole della lingua comune. In questo caso si individua la password più o meno sensata partendo da un elenco di parole, per esempio un dizionario.

È un sistema che richiede decisamente meno tempo, ma non sempre porta al successo. Ovviamente, non è lecito utilizzare gli strumenti di decodifica per introdursi senza permesso in file protetti.

È anche per questo che, quando si prova a cercare questi strumenti in Internet, capita sovente di arrivare a siti per niente seri.
Durante la stesura dell’articolo, per esempio, è capitato spesso di approdare a pagine che propongono servizi a pagamento, i cosiddetti dialer. Prima di utilizzare programmi di cui non si conosce la provenienza e che non sono stati consigliati da fonti sicure, quindi, è meglio pensarci due volte

La password del BIOS

rappresenta un modo semplice per proteggere il calcolatore da occhi indiscreti. La password viene richiesta direttamente all’accensione, ancor prima di poter accedere al sistema operativo. È proprio questo che induce molti a credere che tale password rappresenti una protezione particolarmente sicura, ma è una conclusione troppo affrettata.
Le password del BIOS sono un ostacolo per nulla difficile da superare: nel peggiore dei casi basta scaricare la memoria CMOS, in cui sono memorizzate tutte le impostazioni della scheda madre e anche l’eventuale password. La probabilità di dimenticare la password del BIOS è remota, dal momento che va inserita manualmente ogni volta che si accende il pc e non c’è modo di memorizzarla.

Se, tuttavia, si fa uso sporadico del pc o se dovesse capitare di acquistare un pc bloccato al mercatino dell’usato, è necessario scovare un metodo per accede re al sistema. In questi casi torna comodo il freeware in lingua inglese Bios 3.20 Questo programma rimuove da DOS o dalla finestra DOS di Windows la password impostata per il BIOS.

Naturalmente bisogna essere in grado di accendere il pc, o trovarlo già acceso, dal momento che in qualche modo all’interfaccia DOS bisogna pure arrivarci. Questo strumento consente inoltre di modificare, dopo averle cancellate, la password utente e la password del supervisore che protegge le impostazioni del BIOS.



Il programma funziona con i BIOS AMI, Award, Phoenix e IBM e offre persino più programmi crack per molti tipi di BIOS. Provate tranquillamente più tool; non potrete danneggiare nulla. Nella peggiore delle ipotesi troverete una password errata. Ciò che richiede invece attenzione è la funzione BLASTER. Con questo metodo viene eliminato tutto il contenuto della memoria CMOS e vanno perdute anche tutte le impostazioni personali del BIOS effettuate. Importante: eseguite questa funzione solo se non avete altra scelta. Scarica il recupera password del Biosrecuperare la password gratis

suggerimentiRipristinare la password
Nel caso in cui dimentichiate la password di accesso a  Windows Xp, potete creare un dischetto floppy che vi consentirà di reimpostarla. A tal fine, entrate nel Pannello di controllo e fate doppio clic sulla voce “Account utente”, e in seguito fate clic sull’account per il quale volete creare un disco di “Reimpostazione password”.

Successivamente, all’interno del riquadro “Operazioni correlate”posto sul lato sinistro della finestra di dialogo, fate clic sulla voce “Reimpostazione password”per avviare la relativa procedura guidata.

Nel caso in cui dimentichiate la password, fate clic sulla freccia di color verde della schermata di accesso di Windows Xp: vi sarà proposto di utilizzare il “disco di reimpostazione password”per ripristinare la vostra password e avere accesso al sistema operativo.

Programma per recuperare Password account della posta e server FTP