Programmi antivirus kaspersky Panda


miglior AntivirusIl nostro è un tempo in cui lo spettro di virus veri, e non metaforici, si aggira per il pianeta. Tra misteriosi morbi asiatici e “stati canaglia” dai sinistri arsenali, la luce dei riflettori mediatici sembra attualmente avere altri e ben più pericolosi virus a cui pensare, trascurando i distruttivi programmi che, diffondendosi, flagellano i nostri computer.

Non di meno, incuranti di tutti gli eventi, i virus dei computer fanno parte dell’“ecosistema” digitale in cui viviamo. Nel continuo e mutevole equilibrio, ogni giorno alcuni virus si estinguono mentre ne sorgono altri di nuovi, richiedendo rimedi per sconfiggerli. Si può quindi dire che il sistema informatico umano sembra destinato a convivere sempre con una piccola dose di “malattie”, che vanno, proprio come quelle vere, a colpire perlopiù i famigerati “soggetti a rischio” (che sono, nel nostro caso, i computer usati con maggior disinvoltura e con minori protezioni). Ormai è ben noto che dai virus è possibile difendersi con efficacia. L’importante è utilizzare strumenti aggiornati: tanto più vecchio è il nostro antivirus, quanto più saremo vulnerabili alle nuove minacce. L’aggiornamento dell’antivirus è quindi ormai diventata una sorta di routine salutare a cui rassegnarsi: una profilassi forse un po’ noiosa, ma sempre necessaria. Di fronte all’evolversi del panorama delle minacce, dunque, le case produttrici di antivirus reagiscono con una continua raffinazione dei loro strumenti. Confrontiamo, dunque, le ultime versioni di cinque tra gli antivirus più diffusi, per decidere a quale baluardo affidare la buona salute del nostro amato PC



 

 

Kaspersky

Dietro al nome un po’ esotico di questo antivirus, si nasconde il più conosciuto “AVP”, un prodotto molto noto e apprezzato. Dopo una installazione priva di difficoltà, Kaspersky riunisce tutte le sue funzioni in un’unica interfaccia accessibile attraverso il System Tray. Le funzionalità sono divise in quattro schede: Attività, Componenti, Impostazioni e Quarantena.

In “Attività” si controlla quando le varie funzioni vengono attivate: si può, per esempio, programmare il controllo degli aggiornamenti o la scansione completa del sistema a intervalli regolari. I “Componenti” sono invece i vari moduli che assieme formano il sistema difensivo di Kaspersky AVP: essi controllano la memoria del computer, la posta in arrivo e quella in entrata (con compatibilità con tutti i programmi più diffusi), i file che si vanno a eseguire, i componenti compresi nelle e-mail, e così via.

La “Quarantena”, infine, è l’area di sicurezza dove vengono spostati i file incriminati. I laboratori Kaspersky offrono anche un servizio di aiuto per i casi più dubbi. Nel complesso, il programma è solido e la protezione offerta ampia ed efficace. L’antivirus controlla anche ogni sorta di archivio compresso, e un sistema euristico si propone di riconoscere la pericolosità anche di eventuali virus non ancora catalogati. La creazione dei dischi di ripristino, un elemento fondamentale in caso di guai seri, ha la curiosa caratteristica di creare un sistema basato su Linux, che tenta di riparare e “sterilizzare” completamente il sistema anche nel caso esso fosse articolato su più sistemi operativi (per esempio, un disco che contenga sia partizioni Windows che partizioni Linux). Niente paura, comunque: funziona perfettamente anche se nel nostro computer dimora soltanto Windows.Questa versione di Kaspersky Anti-Virus manca di alcune funzionalità avanzate qualeil controllo costante delle macro di Word ed Excel, che è disponibile soltanto nella versione “Pro” destinata agli utenti più esperti (a un prezzo all’incirca doppio). Ma anche la versione Personal fornisce un eccellente livello di protezione, più che sufficiente nella maggior parte dei casi. L’unico appunto che possiamo fare è l’interfaccia, che pur essendo in italiano non risulta di immediata comprensione. La guida in linea è abbastanza esauriente, ma anche così Kaspersky Anti-Virus è meno amichevole di quanto potrebbe essere: l’elenco delle opzioni, per esempio, richiede un po’ di studio per essere decifrato, e la funzione dei pulsanti non è sempre chiara. Per chi non si lascia spaventare facilmente, comunque, questo antivirus resta un prodotto decisamente efficace, anche se forse più adatto agli utenti smaliziati.

Il prezzo comprende 1 anno di aggiornamenti gratuiti, che si effettuano attraverso Internet in modo molto semplice (e, volendo, automatico).

sito web: kaspersky.com

 



Panda Antivirus

Verde, il colore della tranquillità (e, in caso di guai, della speranza!): è con questa immagine, estesa dalla simpatica scatola fino al CD, che si presenta Panda Antivirus Titanium, un prodotto concepito all’insegna della semplicità d’uso. Là dove Kaspersky si rivolge a un utente che vuole controllare tutti i dettagli, Titanium si propone come un prodotto “installa e dimentica”. L’installazione, del tutto indolore, è seguita da una prima scansione di tutto il sistema (non si sa mai!); fatto questo, il “placido” Panda sparisce con discrezione dalla nostra vista, rimanendo solo sotto forma di piccola icona, che garantisce l’immediato accesso al pannello di controllo del programma. Quest’ultimo è disegnato con cura, con l’intento di risultare estremamente comprensibile. Una serie di voci sulla sinistra permettono di selezionare le varie schede, che raccolgono in modo molto chiaro le funzioni del prodotto.

Fondamentalmente, l’idea di Panda è di liberare l’utente dal pensiero tanto dei virus quanto dell’antivirus. Nonostante esistano diverse possibilità di impostazione, il cardine di questo pacchetto è il concetto di “protezione permanente”. Si può, naturalmente, lanciare una scansione completa del sistema, benché non sia possibile fissare un orario per eseguire l’operazione in automatico. Anche l’aggiornamento delle definizioni dei virus può avvenire, a scelta, manualmente oppure in modo autonomo attraverso Internet, senza sovrapprezzi per il primo anno dopo l’acquisto.

sito web: pandasecurity.com

 

Scarica gratis Avast antivirus