Migliorare la procedura di masterizzazione con piccoli accorgimenti


migliorare la masterizzazione di un CDLa masterizzazione “on the fly” o “al volo” è potenzialmente rischiosa. Per questo se ne consiglia il ricorso solo a quegli utenti che dispongono di sistemi particolarmente potenti, per esempio dotato di dischi, lettore e masterizzatore con interfaccia SCSI. In tutti gli altri casi il passaggio diretto dei dati dal lettore di CD al masterizzatore è sconsigliato, poiché basta un piccolo calo nel transfer rate per  veder andare in fumo copia e supporto nuovo. Inoltre, se disponete di un disco IDE sufficientemente veloce, non è detto che il ricorso alla copia “al volo” comporti un risparmio di tempo.

Consigli utili come migliorare la masterizzazione di un CD

I vari  programmi di masterizzazione offrono tutti un’opzione in tal senso: Easy CD Creator con la voce COPIA CD SORGENTE PRIMA SU DISCO RIGIDO, Feurio  disattivando l’opzione “on the fly”, così come Nero . Quasi sempre, infine, è anche presente una funzione che permette di eliminare automaticamente i dati creati sul disco al termine delle operazioni di  copia. Così non si corre il rischio di ritrovarsi presto con l’hard disk intasato di immagini.



Consigli migliorare la masterizzazione di un CD

Una volta selezionati tutti questi parametri non resta che determinare la velocità a cui dovrà essere  scritto il disco. Si tratta di una scelta fondamentale, perché da essa dipende in buona parte la riuscita della masterizzazione. Di solito per ottenere i  risultati migliori il consiglio era quello di lavorare a basse velocità, quando non addirittura a 1x (CD Audio). Come accennato in precedenza, l’esperienza   recente, ossia utilizzando i supporti ad alta velocità dell’ultima generazione, in molti casi, l’utilizzo di basse velocità di scrittura ha causato più di un problema. Per questo l’unica strada resta procedere  per tentativi, cominciando però con l’impostare  l’unità su velocità di 24x o 32x, per poi salire o scendere a seconda dei risultati ottenuti. Dal  momento che praticamente tutti i nuovi masterizzatori hanno una speciale funzione che consente loro di determinare la velocità massima di scrittura di ogni supporto, il rischio di sbagliare del tutto la  velocità non esiste.

Per creare una compilation con i brani più belli della  vostra discoteca digitale, in linea di principio valgono, per lettore, masterizzatore e disco rigido, gli stessi requisiti previsti per la copia di un CD audio. Anche  qui, in fondo in fondo, si tratta di leggere, memorizzare provvisoriamente e scrivere i dati sul supporto. Discorso identico anche per i requisiti di base del programma
di masterizzazione, che sono gli stessi. La differenza  in realtà sta tutta nel fatto che quando ci si appresta a realizzare una compilation è bene conoscere con precisione tutti i principali formati audio e le  relative peculiarità. MP3, MP3 PRO, WAVE e WMA operano in modo profondamente diverso tra loro e devono essere gestiti di conseguenza se si desidera ottenere la massima  qualità audio. Limitando il campo ai  soli formati più diffusi (anche su Internet) tutti iformati audio digitali in circolazione possono essere racchiusi all’interno di due grandi categorie:  i file compressi e quelli non compressi.

Per intenderci, i primi sono quelli in cui ricade anche il celebre MP3 e in pratica hanno il grande  vantaggio di ridurre a pochi megabyte l’ingombro di una traccia audio non compressa. ovviamente il  prezzo è una certa perdita di qualità, che dipende  dal bitrate, ossia una sorta di livello di compressione. Se puntate a una qualità da impianto stereo, operate con valori compresi tra 192 e 320 Kbps  (specie se avete a che fare con brani di musica classica). Invece, se l’obiettivo finale è per esempio l’ascolto attraverso l’autoradio, anche un bitrate di 128 Kbps può essere più che sufficiente. Il più diffuso  tra i formati non compressi è invece il WAVE, il cui unico difetto, a ben vedere, sta nelle dimensioni considerevoli di ciascun file.

Da disco a disco
 masterizzare un CD per archiviare e condividere file, musica e immaginiCome nel caso della copia di un CD audio, anche in questo caso il sistema più sicuro consiste nel copiare  tutti i dati audio sul disco rigido e, da qui, inviarli al masterizzatore, anche perché non sarebbe possibile  copiare “al volo” i brani contenuti su più CD, a meno di non rinunciare alla modalità DAO in favore di quella  TAO, con tutti gli svantaggi del caso. A conferma del  fatto che la modalità DAO sia in questo caso quella più  adatta, programmi quali Win on CD e Easy CD Creator provvedono automaticamente a salvare i dati su disco rigido quando viene selezionata la modalità  DAO. Per questo, se si vuole evitare di creare un file di  immagine, si deve sempre disattivare questa impostazione, tranne nel caso in cui si desideri modificare i brani  con un editor audio. Le modalità previste dai principali  programmi di masterizzazione per il resto sono analoghe; a cambiare sono solo l’interfaccia o il nome della funzione. Con Nero, per esempio, per salvare un  brano dal CD al disco rigido bisogna selezionare la voce  SALVA TRACCE dal menu MASTERIZZATORE e quindi interagire con la relativa finestra di estrazione.



Creare CD Audio Perfetti