Il miglior film del genere catastrofico


Secondo il calendario Maya il  21 dicembre 2012, doveva essere la data della fine del mondo. Il calendario Maya non andava oltre (forse perché non c’era più spazio?).

Ma soprattutto questa data veniva indicata e amplificata da libri, riviste, trasmissioni televisive.

Per fortuna, invece, “2012” è  stato semplicemente un  film.



2012 è sicuramente uno dei miglior film del genere catastrofico.2012

Meglio, un evento: una produzione da 200 milioni di dollari. Il regista Roland Emmerich (esperto del genere catastrofico:
The Day After Tomorrow, TwisterIndependence day…), infatti, ha realizzato un colossal che si chiama proprio così, 2012, arruolando attori del calibro di John Cusack, Amanda Peet e Danny Glover. Ma quel che più ci interessa sono gli effetti speciali, per capire fin dove si è spinta la computer grafica.
Gli effetti speciali del film, diciamolo subito, sono proprio la fine del mondo… “Lo scopo era quello di confondere le idee allo spettatore: non deve distinguere cos’è reale e cosa è un insieme di bit” – ha dichiarato Barry Chusid, production designer – “Deve guardare il film e chiedersi, per esempio, dove si trovano le montagne teatro di quelle scene”. Montagne che non esistono.

2012 il film migliore genere catastrofico
La produzione ha fatto costruire fisicamente dei set spaventosi, per rappresentare inondazioni e terremoti.

Location con pianoterra mobili, enormi scenari sospesi per aria. Sui quali Emmerich ha fatto ricostruire interi quartieri cittadini, con strade, alberi, palazzi. Anche il protagonista  John Cusack,  è rimasto impressionato:
“Dovevamo correre, scappare su quelle piattaforme mobili. In mezzo all’acqua, al fuoco, alla cenere.

Ho guidato ogni mezzo possibile per sfuggire a ogni disastro immaginabile. Sono state riprese un po’ movimentate…”.

Ma dove non hanno potuto i carpentieri, è arrivata, appunto, la computer grafica. Marc Weigert, coproduttore del film e supervisore per gli effetti speciali, rivela: “Più della metà del film è frutto di lavoro al computer.

Penso che Roland abbia trovato il  modo di ricreare in un film praticamente ogni sciagura naturale si possa immaginare. Per dire, Los Angeles è distrutta da un terremoto di scala 10.5 già a pagina 30 del copione;  il Parco di Yellowstone salta per aria per via di un’impressionante esplosione di lava, un getto di decine di chilometri.
Ma il vero motivo per cui è divertente lavorare con Emmerich è che mette qualcosa di originale in ogni singola scena.
Tu pensi: la scena di un terremoto, roba già vista al cinema… No, così non si è mai vista!”.
Già, scene che non avete mai visto, e che forse non rivedrete più. Non dopo il dicembre 2012…

La trama del film 2012



Anno Domini 2012: da tempo si parla di cambiamenti climatici e disastri naturali. Jackson Curtis, uno scrittore in crisi (familiare, creativa), arriva a Los Angeles per portare i figli in gita, a Yellowstone.

Ma in America e nel mondo scoppia l’inferno: terremoti, inondazioni, tsunami, uragani. Come salvare la pelle? A scanso di equivoci, se non si fosse capito: la trama non è il punto forte del film…

Aggiorniamo la lista scelta da Noi come uno dei migliori film catastrofici

I migliori film catastrofici prodotti ad oggi

  • 28 giorni dopo
  • 2012 (film)
  • L’avvento del male 28 settimane dopo
  • Apocalypse – L’apocalisse The Apocalypse (film 2007)
  • Armageddon – Giudizio finale
  • Attacco glaciale
  • La città verrà distrutta all’alba
  •  The Core D Dante’s Peak – La furia della montagna
  • The Day After – Il giorno dopo The Day After Tomorrow
  • L’alba del giorno dopo
  • Deep Impact
  • Doomsday – Il giorno del giudizio
  • La guerra dei mondi
  • Impatto dal cielo
  • L’incendio di Chicago
  • Independence Day
  • L’inferno di cristallo
  • Io sono leggenda
  • Segnali dal futuro
  • La tempesta perfetta
  • La terra silenziosa
  • L’ultima guerra
  • L’ultima spiaggia
  • Titanic
  • Viaggio in fondo al mare
  • Virus letale
  • Vulcano – Los Angeles 1997
  • W War of the Worlds –
  • World Trade Center (film)

 

Il Trailer del film – 2012