Installazione del software CommServer su un cluster


 Installazione di CommServer su un cluster

Nel articolo viene descritto come installare un CommServe in un ambiente cluster. Tenere presente che, durante l’installazione del nodo attivo, il programma di installazione
installa automaticamente CommServe in un nodo passivo.

Installazione di CommServe su un cluster

Si suggerisce di installare un CommServer in cluster nel proprio gruppo di dischi o, perlomeno, in un gruppo di dischi che non contenga le applicazioni che devono essere sottoposte a backup da iDataAgent. Questa procedura è consigliata per due ragioni:



Mantenere tutti i dati e i backup in un gruppo di dischi può influire sulla
strategia di protezione dei dati.
Se gli iDataAgent sono installati nello stesso gruppo di dischi di CommServe,
possono insorgere problemi di temporizzazione in merito all’arresto e
all’avvio delle risorse cluster Galaxy durante l’installazione di iDataAgent.

Prima di iniziare

Per evitare i comuni problemi di installazione è necessario:

  • Verificare la disponibilità dei nodi. Devono essere disponibili sia i nodi attivi sia quelli passivi.
  • Preinstallare Microsoft SQL Server. SQL Server 7.0 Service Pack 1 deve essere installato e in cluster prima dell’installazione di CommServe.
  • Controllare che il servizio cluster si colleghi alla scheda di rete pubblica prima che alla scheda di rete privata.
  • Controllare che nel servizio cluster la patch Microsoft gethostbyaddress 19425 (pre-Service Pack 3) sia stata applicata a tutti i nodi. Per ottenere questa patch,
    contattare il servizio di supporto tecnico Microsoft.
  • Controllare che nel servizio cluster tutte le periferiche di array disco siano configurate con accesso all’array condiviso e che il software cluster
    sia installato e in esecuzione.

Per installare un CommServe in un cluster

  • Accedere al computer che ospiterà CommServe come Domain User con privilegi su tutti i nodi nel cluster.
  • Inserire il CD-ROM del software Galaxy per Windows nell’unità CD-ROM. Dopo alcuni secondi, viene visualizzato il menu di installazione.

Se il menu di installazione non viene visualizzato:

  • Sulla barra delle applicazioni di Windows scegliere Start, quindi Esegui.
  • Scegliere un’unità CD-ROM, selezionare SetupGalaxy.exe, quindi scegliereOK.

Nota: il prodotto può essere installato anche utilizzando un CD-ROM mappato su un altro computer in rete. Tuttavia, se l’unità non viene mappata, l’installazione risulterà difettosa.

  • Selezionare CommServe nel menu di installazione, quindi fare clic su Install.Il programma di installazione stabilisce che si trova in un ambiente cluster.
  • Viene visualizzato l’elenco dei gruppi di dischi configurati nel cluster e che contengono i server virtuali. Selezionare il gruppo di dischi che contiene il server virtuale in cui installare il software CommServe e l’installazione cluster di SQL Server 7.0. Ogni volta che un’installazione in un ambiente cluster richiede un riavvio, prima di continuare controllare che sia avvenuto il failover del gruppo di dischi sul nodo originale di appartenenza, ovvero che il gruppo sia detenuto dal nodo preferito, e che tutte le risorse siano in linea.In caso di failover in un ambiente cluster, CommServe riprende tutti i processi in esecuzione tranne i backup in linea, ad esempio quelli che interessano il database SQL Server e il database Exchange. I database in linea riportano uno stato di processo non riuscito.
  • Potrebbe venire visualizzata una finestra di dialogo con un messaggio che indica l’incompatibilità dell’istanza SQL Server. Ignorare il messaggio e continuare con il passo successivo.
  • Nella finestra di dialogo Start Copying Files, è disponibile l’elenco di tutti i nodi sui quali il server virtuale può effettuare il failover. Ogni nodo deve essere aggiornato con le impostazioni del nodo attivo. Scegliere Next per continuare.
  • Dopo che Galaxy ha aggiornato i nodi passivi nel cluster per permettere il failover da parte del server virtuale, riavviare tutti i nodi passivi aggiornati. Dopo il riavvio, in ogni nodo passivo viene automaticamente lanciato un programma per creare il DSN (Data Source Name) CommServe. Scegliere OK.
  • Se, al termine dell’installazione del nodo attivo, viene visualizzato un messaggio che informa che il nodo passivo non era disponibile, effettuare una delle seguenti scelte. Altrimenti continuare con il passo successivo:
    • Scegliere Yes per continuare l’installazione attiva e aggiornare qualsiasi nodo passivo restante.
    • Scegliere No per continuare l’installazione attiva e saltare l’aggiornamento dei nodi passivi restanti. Scegliere Yes per aggiornare i nodi restanti quindi, quando viene chiesto, scegliere OK per riavviare il computer CommServe.
  • Impostare un account ExpressRecovery per poter effettuare il backup del database CommServe.

Esecuzione dell’installazione manuale di un nodo passivo

Quella che segue è la procedura da utilizzare in caso di installazione non riuscita di un nodo passivo durante l’installazione sul nodo attivo.

Nota: in un ambiente cluster, CommServe installa automaticamente un’interfaccia utente grafica (GUI, Graphical User Interface) per il nodo attivo o passivo, come
appropriato. L’installazione della GUI per il nodo attivo è indirizzata sulla directory di installazione Galaxy/GUI Galaxy sull’unità condivisa. L’interfaccia è accessibile solo se il nodo è il proprietario dell’unità condivisa.

Configurazione Di IDataAgent Per SQL Server

Per eseguire l’installazione manuale di un nodo passivo



iDataAgent per SQL Server

  • Ripetere i passi da 1 a 4 della procedura di installazione precedente sul nodo passivo.
  • Viene visualizzato un messaggio in cui si informa l’utente che il programma di installazione ha stabilito che si tratta di un nodo passivo e che l’ambiente verrà aggiornato su quel nodo. Scegliere OK.
  • Immettere i seguenti valori. Per controllare le informazioni da fornire, utilizzare le chiavi del Registro di sistema Base o CommServe del nodo
    attivo in HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\CommVault Systems\CommVault\Galaxy\Nome_Server_Virtuale):

    • Cartella di installazione Galaxy su disco condiviso. Il percorso di installazione utilizzato durante l’installazione nel nodo attivo.Chiave di base: dGALAXYHOME
    • Nome account del database CommServe. Il nome dell’account amministrativo del database SQL Server CommServe (cvadmin, per impostazione predefinita).
    • Password dell’account del database CommServe. La password richiesta per accedere all’account amministrativo del database SQL Server CommServe (cvadmin per impostazione predefinita).
    • Nome del computer CommServe. Il nome breve locale (NetBIOS) di CommServe.Chiave CommServe sCSCLIENTNAME
    • Nome host di CommServe. Il nome host TCP/IP della NIC utilizzato dal server virtuale per comunicare con CommServe (nome completo di dominio di CommServe).Chiave CommServe: sCSHOSTNAME
    • Il Registro di sistema e i file vengono aggiornati sul nodo passivo. Al termine dell’aggiornamento, viene visualizzata la finestra Setup Complete. Per chiudere questa finestra, scegliere Finish.
    • Scegliere OK per riavviare il computer CommServe quando compare il messaggio relativo.
    • Impostare un account ExpressRecovery per poter effettuare il backup del database CommServe.

Soluzione Hardware Utilizzata Per L’architettura Internet Data Center