Google: algoritmo antipirateria


Organi di gestione accusano Google di non fare abbastanza per combattere la pirateria, così la società del motore di ricerca sta sviluppando un nuovo algoritmo che la pirateria ha colpito i risultati della ricerca nei prossimi mesi.


Google e il DMCA. Questo accoppiamento è il più parlato negli ultimi anni. In primo luogo perché l’ente di gestione degli Stati Uniti accusa Google di non fare abbastanza contro la pirateria . E contrariamente Google dice che fa tutto il possibile contro la pirateria. In questo senso, la società del motore di ricerca è stato fatto per lavorare e sta lavorando su un nuovo algoritmo antipirateria che le ricerche verranno integrati nei prossimi mesi.

pirateriaIn questo senso, Google si impegna a DCMA nel 2012 per migliorare il sistema anti-pirateria, ma enti di gestione ha detto che i miglioramenti nel motore di ricerca non hanno sufficiente impatto sui siti di grandi dimensioni con grandi quantità di pirateria come The Pirate Bay e agli utilizzatori di accedere a contenuti pirata attraverso l mirino sempre più allarmante.



Sebbene le misure di YouTube stanno avendo un effetto positivo, con un pagamento di quasi un miliardo di dollari ai titolari dei diritti tramite Content ID, Il motore di ricerca non dispone di un sistema così efficace nel motore di ricerca. Poiché la gestione entità continuano a fare pressione a Google di mettere le batterie. Tuttavia, Google sarà di nuovo modificare l’algoritmo antipirateria per indirizzare gli utenti a siti con contenuti legittimi, e nella stessa direzione, rendendo il downrank danno a siti con contenuti che ha ricevuto continue richieste dal DCMA , e l’assicurazione che avete visto dal motore di ricerca come collegamento costantemente censurato.

Onestamente non è chiaro che questa interferenza nei risultati è molto positivo per la libertà della rete, ma il discorso della pirateria e proprietà intellettuale alla foce delle amministrazioni e degli enti di gestione, non mi sorprende che Google fa meglio per renderli felici. Gli utenti finali sono i perdenti, come sempre.