Crittografia protezione delle informazioni


La crittografia è la tecnica con la quale si codifica (e decodifica) un testo

in modo da renderlo incomprensibile a chiunque non ne conosca la chiave di accesso. A prima vista si potrebbe pensare che soltanto spie, criminali e agenti segreti crittografiapossano avere bisogno di un codice segreto per comunicare; in realtà, la crittografia è una risorsa preziosa, pressoché indispensabile a chiunque desideri tutelare seriamente la propria riservatezza. I computer, infatti, sono fatti per accedere facilmente alle informazioni, non per nasconderle.



Documenti di natura finanziaria, lettere personali, fotografie, codici d’accesso e altri documenti personali, che una volta potevano essere custoditi in una cassaforte o in un cassetto chiuso a chiave, oggi spesso giacciono all’interno di un hard disk al quale chiunque potrebbe accedere, copiandone il contenuto senza lasciare alcuna traccia della propria intrusione. E non parliamo di quando si desidera inviare qualcosa a qualcuno: la “sacralità” della busta chiusa del servizio postale ha lasciato il posto all’email, in cui i nostri messaggi prima di arrivare a destinazione lasciano traccia di sé in decine di server sconosciuti.

Chi può dire se qualcuno accederà a nostra insaputa a quelle informazioni ?

Il problema è molto sentito anche dai nostri lettori, che ci hanno inviato numerose lettere chiedendo come proteggere efficacemente i propri dati da occhi indiscreti. L’unica maniera seria per tutelarsi è quella di usare qualche forma di crittografia, che trasformerà i nostri dati in un’accozzaglia di simboli illeggibili per chiunque non disponga della chiave d’accesso.

La crittografia esiste fin dall’antichità e quasi tutti noi da bambini abbiamo provato qualche semplice tecnica per creare messaggi segreti sostituendo a ogni lettera un’altra lettera o un simbolo astruso. Esistono però diversi livelli di sicurezza, e codici apparentemente a prova di decifrazione, possono comunque rivelarsi un libro aperto per un esperto crittografo.

Questo vale in particolare ai giorni nostri, visto che un lavoro di decifrazione che avrebbe richiesto anni di tentativi può essere svolto in pochi minuti da un veloce computer. In pratica, non esiste codice che non possa essere decifrato, avendo a disposizione un tempo sufficiente; viene quindi considerata una codifica efficace quella per la quale è matematicamente dimostrabile che tale tempo sarebbe troppo lungo per giustificare un tentativo di decifrazione.

Crittografia: per proteggere i vostri dati

Un problema molto grave che affligge molti sistemi di crittografia è quello della segretezza delle chiavi. Un codice potrà anche essere spaventosamente difficile da decifrare, ma sarà del tutto inutile se la spia riesce in qualche modo a impadronirsi della chiave. Il problema è particolarmente grave nel caso di dati che devono essere spediti a distanza.

 

Se voglio inviare dei messaggi riservati a una persona all’altro capo del mondo, come faccio a spedirle la chiave per leggere i messaggi, senza rischiare che qualcun altro se ne impadronisca e possa leggere impunemente tutto quello che scriverò in futuro?



Questo sistema è stato risolto, con i cosiddetti sistemi di crittografia “a chiave pubblica”. Con questi sistemi, ogni persona possiede non una, ma due chiavi personali, una “pubblica” e una “privata”.

Le due chiavi sono dei codici generati matematicamente in modo da essere in relazione l’uno con l’altro, senza però che da uno si possa dedurre l’altro. La relazione tra i due codici è tale che è possibile codificare un messaggio utilizzando la chiave pubblica di una persona ed esso risulterà decifrabile solo utilizzando la sua chiave privata! In questo modo diventa possibile scrivere messaggi che saranno leggibili da una sola persona, senza che sia necessario alcuno scambio segreto di chiavi.

Crittografando i dati, o codificandoli, può garantire un miglioramento della sicurezza della tua privacy

Crittografare i dati della carta di credito

Come crittografare la chiave di rete

 




La macchina crittografica Enigma, utilizzata dall’esercito nazista per trasmettere messaggi in codice. La decifrazione dei codici di Enigma, dovuta soprattutto al pioniere dell’informatica Alan Turing, procurò agli Alleati un notevole vantaggio durante la guerra.