Come utilizzare openoffice


Torniamo a parlare di OpenOffice.org, il sistema di programmi (comprendente elaboratore di testo, foglio di calcolo, strumenti di disegno e presentazione) alternativo a Microsoft Office e completamente gratuito. Chi non ne avesse ancora sentito parlare può trovare tutte le informazioni (ed eventualmente scaricare la versione completa) sul sito www.openoffice.org. OpenOffice ha alcuni strumenti peculiari, leggermente diversi dagli strumenti di Microsoft. Tra questi il “navigatore”, che permette appunto di navigare rapidamente tra le pagine.

Possiamo iniziare a familiarizzare con il navigatore di OpenOffice aprendo un qualsiasi documento, possibilmente lungo e articolato. Il navigatore si presenta



openoffice programma indispensabile sostituisce officecome una finestra che è possibile richiamare facendo clic sul menu Modifica e quindi su “Navigatore” (in alternativa e più rapidamente, basta premere il tasto F5). Il navigatore mostra un elenco di oggetti (come per esempio Intestazioni, Tabelle, Immagini, e via dicendo) tra i quali è possibile spostarsi.

Se il documento aperto contiene una certa categoria di oggetti, comparirà un piccolo segno “+” accanto alla categoria corrispondente. Facendoci sopra clic, come d’abitudine, la categoria si espanderà, mostrando il proprio contenuto. Nella figura del nostro esempio abbiamo fatto clic sul segno “+” accanto alla categoria “Intestazioni”, visualizzando così tutte le intestazioni del nostro documento: si tratta dei titoli dei capitoli, che sono stati opportunamente formattati utilizzando lo stile di intestazione.

Facendo clic due volte su un’intestazione, ci porteremo istantaneamente nel corrispondente punto del testo.

La finestra del navigatore può essere spostata o ridimensionata a piacere. In particolare, si tratta di una finestra “ancorabile”. Per capire cosa significa, il modo più semplice è provare: mentre teniamo premuto il tasto CTRL facciamo clic due volte su un punto libero qualsiasi della finestra del navigatore e osserviamo il cambiamento. Ripetendo l’operazione, torneremo alla situazione precedente.

Quando la finestra è ancorata a un margine, compariranno due pulsanti con i quali si può gestire la vista della finestra: il simbolo con la freccia permette di visualizzare o nascondere la finestra. Con il secondo pulsante si passa dalla posizione fluttuante a quella fissa, e viceversa. Anche in questo caso la cosa migliore è fare qualche prova.

Un trucco per spostarsi all’interno di un documento ancora più rapidamente, è quello di utilizzare i tre pulsanti di navigazione che si trovano nell’angolo in basso a destra della finestra principale del programma. Facendo clic sul pulsante centrale appare la finestra mobile Navigazione, all’interno della quale possiamo scegliere la categoria di oggetti tra cui



vogliamo navigare. Per esempio, scegliamo la categoria “Pagina”.

A questo punto possiamo spostarci tra le pagine grazie ai pulsanti con le doppie frecce rivolte verso l’alto o verso il basso, che ci portano rispettivamente alla pagina precedente e a quella successiva.