Caratteristiche di un sito e-commerce


Un buon sito di e-commerce

deve garantire all’utente un certo grado di interazione: ciò non è affatto semplice da realizzare. Innanzitutto, serve un web server sempre collegato a Internet e abbastanza potente da assorbire i picchi di utenza. Il bello dell’e-commerce è poter acquistare a qualsiasi ora: se il sito diventa irraggiungibile quando tutti sono online, o è chiuso per manutenzione la notte, gli acquirenti andranno altrove.



Il web server deve anche essere sufficientemente sicuro, e possibilmente non deve costare al gestore del sito, tra licenze e manutenzione, più dei guadagni di un anno intero. Per questo, e per la sua grande flessibilità, Apache (apache.org, un Web server open source) è diventato lo standard di fatto. In una situazione molto semplice e ipotetica, serve anche un database che sia collegato al web server: conterrà i dati dei clienti e dei prodotti in vendita, così come delle offerte speciali, dei fornitori e gli stati dei vari ordini.

In questo caso non c’è uno standard di fatto, ma a grandi linee i piccoli siti utilizzano database open source (MySQL,  o PostgreSQL, postgresql.org), mentre i grandi usano prodotti costosissimi e complicati come Oracle o DB2 di IBM (i siti veramente grandi, come Amazon o eBay, non hanno un solo database ma una pletora di macchine a disposizione;al contrario le banche hanno di solito dei mainframe, gli ingombranti computer tipici degli anni ‘60/’70).

Infine, bisogna collegare in tempo reale il sito web con il database (i due devono “parlarsi” in qualche modo), e molto spesso il collegamento è realizzato con un cosiddetto application server: unaltro server, di solito J2EE (Java 2 Enterprise Edition) che ha il compito di ricevere le istruzioni dal sito web (ciò che l’utente sta cercando di acquistare, per esempio) e passarle al database, innescando le cosiddette transazioni.

 La tecnologia sottostante è un po’ complessa (dai casi più semplici in cui ci sono pagine JSP o ASP, fino a quelli più complessi in cui vengono utilizzati gli Enterprise Java Beans), ma il livello dell’application server è il secondo nella struttura a tre livelli tipica dei progetti di e-commerce.

Tra le idee più fortunate dell’e-commerce ci sono certamente le aste on-line. Oltre al notissimo Ebay, Asteclick, Mediashopping, pubblicità in televisione che sponsorizzava il sito.
Come spesso accade nell’informatica, Ibazar è stato acquisito proprio da Ebay, il colosso mondiale delle aste on line (sembra infatti che le regole dell’economia, secondo le quali il pesce grosso si mangia il pesce più piccolo, nel caso dell’informatica valgano, se possibile, in modo ancora più brutale).
L’idea del sito di aste è molto semplice: chi vende mette un annuncio che tutti gli altri possono vedere; le offerte sono al rialzo. Questo tipo di siti, almeno in teoria, vorrebbe sostituire il normale giornale di inserzioni, come Seconda Mano o Porta Portese. L’unica differenza è che il servizio non è gratuito, e si deve pagare al sito una percentuale sull’ acquisto andato a buon fine.



Ma quali sono i prodotti che vengono acquistati con più frequenza in Internet ?

Escludiamo dalla categoria gli acquisti di viaggi, voli, offerte last minute e low cost.  Hotel,  crociere e voli. perche’ rappresenta un 45% delle vendite online.

Il colosso tra i portali di maggior acquisto di questo settore, viene rappresentato da Edreams, vero paradiso per il navigatore che voglia trovare qualsiasi modo per viaggiare e spostarsi in tutta ospitalità.  Mentre la British Airways è  la compagnie che sa sfruttare al meglio il servizio di vendita di voli per le destinazioni Nazionali e Internazionali.

Una fetta molto importante viene divisa tra Telefonia e Assicurazioni Rc Auto.  Per la Telefonia, Telecom (alice), Vodafone, Fastweb, Teletu, Wind (infostrada), Tiscali hanno trovato il giusto modo per pubblicizzare  le migliori offerte Adsl del momento  dove giornalmente riescono ad attirare nuovi clienti potenziando maggiormente le proprie reti.

La Vodafone propone le migliori offerte del mercato guadagnando una cerchia maggiori di nuovi abbonati.

Wind infostrada premia tutti i nuovi abbonati che effettuano il passaggio per cambio gestore di telefonia offrendo sconti sino a   2 Anni ! .




Le Rc Auto online è in espansione…

Ma escludendo le categorie citate in alto, quali sono i prodotti maggiormente acquistati direttamente dal tuo pc.

  • 42%  software
  • 23% prodotti elettronica e di consumo (cartucce, dvd e cd vergini)
  • 21% cura del corpo e benessere
  • 7 % libri e contenuti multimediali
  • 4% Vestiario
  • 3% Gioielli

Le vendite raddoppiano grazie al fenomeno del cross-selling vi spiego cos’è e di cosa si tratta.

La maggior parte dei siti di e-commerce adotta la strategia del “cross-selling”: ogni volta che si sceglie un articolo da comperare, il sito propone anche una serie di acquisti correlati.

Dal punto di vista delle aziende, è un modo abbastanza intelligente per aumentare i fatturati e diminuire le spese (è più remunerativo gestire meno ordini per un importo più elevato che un numero impressionante di ordini per cifre piccole). Anche per quel che riguarda il “cross-selling”, Amazon insegna.

Quando si mette nel carrello un libro, o un cd, compare sempre nella parte sinistra del sito web un pannello che indica quali altri articoli hanno acquistato i clienti che hanno scelto il libro o il cd in questione, con tanto di percentuali. Il trucco sta dunque nell’invogliare il cliente a fare più di un acquisto, sfruttano una certa spinta psicologica all’emulazione del comportamento di altri: in fondo se il 60 per cento di quanti hanno acquistato lo stesso libro ha poi acquistato anche un cd, perché essere da meno?

Come succede con tutte le strategie commerciali, l’ideale è rapportarsi muniti di un certo spirito critico. Innanzitutto, non ci sono garanzie che i dati forniti siano effettivamente corretti; o meglio, non ci sono altre garanzie a parte l’etica dell’azienda, che vieterebbe manovre di questo tipo. Inoltre, se si parte con l’idea di acquistare qualcosa di ben preciso, ma poi si finisce nel girone dantesco delle offerte correlate, è meglio stare molto attenti al portafogli per evitare brutte sorprese. Insomma, attenzione al richiamo delle sirene.

Tirando le somme  E-Commerce il sogno è finito?

Credo che nel mercato Italiano il sogno deve ancora iniziare, ma attenzione al pesce grande. Dalla crisi possediamo le armi per uscirne, E-commerce è un lavoro che va tutelato.

E-commerce è il tuo presente, la tua pensione e il futuro dei tuoi figli.

E-commerce commercio del futuro